Seguici

Tennis

Il goodbye di Andy Murray

Pubblicato

il

Hai fatto sognare, hai fatto piangere, e hai reso orgogliosi noi inglesi. Wimbledon saluta così il campione più amato dai britannici, Sir Andy Murray, riservandogli l’onore del Centre Court per la sfida di doppio accanto al fratello Jamie. Sfida persa contro Peers e Hijikata, e che è stata l’ultima volta di Andy sui campi di Church Road. L’emozione era tutta lì, concentrata in una serata da lacrime e ricordi, con il meglio del tennis mondiale in tribuna e in video, per un tributo quanto mai meritato dopo anni di vittorie e sofferenza fisica.

“Non sono sempre stato perfetto”

“Di certo – ha detto lo scozzese, evidentemente (e inevitabilmente) commosso – non ho fatto tutto al meglio, nella mia carriera. Sono stato un giocatore tutt’altro che perfetto ma ho saputo lavorare ogni giorno con dedizione, etica del lavoro e passione, indipendentemente dagli alti e bassi, dalle vittorie e dai dolori. Ho dato il massimo, è di questo che sono orgoglioso”. All’inizio dell’epoca che ha portato il tennis a un altro livello di popolarità, Andy era uno dei Fab 4, insieme a Federer, Nadal e Djokovic. Poi gli altri se ne sono andati, lui è rimasto con 3 titoli Slam, due dei quali proprio a Church Road. A cui vanno aggiunti due Ori olimpici, una Davis, il numero 1 del mondo per 41 settimane.

La fine di un’era

Ma non è dai numeri che si parte, per spiegare Sir Andy. Come è apparso chiarissimo nella serata-tributo, Murray si spiega molto meglio attraverso le emozioni di un giocatore talentuoso e fragile, che chiude la propria vita sportiva con un’anca di metallo in corpo per la testarda necessità di continuare a fare ciò che più ha amato nella vita: esibirsi su un campo da tennis, dove ha sempre lottato con ogni goccia di energia. “Il mio servizio e il resto del mio gioco sono lontanissimi dal livello abituale. Quest’anno è stata dura con la caviglia, poi con l’intervento alla schiena, ovviamente con l’anca. Se sapessi che il mio corpo è in grado di supportarmi, continuerei perché amo la competizione, allenarmi, cercare di migliorare. Ma so che è arrivato il momento di dire basta. E sono felice che sia finita”. Goodbye, Sir.




SEGUICI ANCHE SU: Instagram @oggisport | X OggiSportNotiz2 | Facebook @oggisportnotizie | Telegram OggiSportNotizie | Youtube @oggisportnotizie


Pubblicità

Facebook

ACF Fiorentina ac milan ac monza AIA allegri Altro Calcio Ascoli Calcio 1898 AS Roma atalanta basket calcio femminile Calcio Internazionale calciomercato champions league conferenza stampa Coppa Italia curiosità Designazione Arbitrale Europa League Frosinone Giudice Sportivo Hellas Verona Inter FC inzaghi italia Juventus FC Nazionale news pallavolo press conference probabili formazioni Programma Gare Qatar 2022 roma scherma Serie A Serie B serie C serie D spalletti SSC Napoli ss lazio Tennis US Cremonese volley

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it testata giornalistica online, registrata nella sezione stampa del Tribunale di Milano con il n. 79 del 16 maggio 2024 (già registrato al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022) | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Editore: Associazione ARIMO 51, Sede legale Milano (MI) - Via Ponte Nuovo, 24 | CF: 97955970153 | email: oggisportnotizie[at]gmail.com
Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.