Seguici

Tennis

Berrettini e il verde speranza, un connubio perfetto

Pubblicato

il

Berrettini-Zverev

Quando c’è bisogno di fiducia, mettere i piedi sull’erba è un toccasana. Matteo Berrettini chiede aiuto alla sua superficie preferita e ritrova il sorriso, dopo altre settimane di attese e di rinvii, mettendo al riparo quel fisico robusto ma fragile da situazioni potenzialmente pericolose. A Stoccarda, dove ha vinto due volte (2019 e 2022), il romano è rientrato con un successo non banale su Roman Safiullin. Ma al di là della partita in sé, è l’arrivo della stagione sul verde che può far tornare all’ex numero 6 Atp la voglia di recuperare la posizione di un tempo. Se non proprio un ingresso nei top 10, almeno qualcosa di più consono al suo talento.

Le armi di Berrettini

I prati come rimedio, dunque. Facile, se uno possiede quel servizio e quel diritto? Fino a un certo punto. Perché in realtà limitare il feeling tra Matteo e l’erba a una questione di mera potenza sarebbe fargli un torto. La verità è che l’ex finalista di Wimbledon (primo italiano a compiere l’impresa di giocarsi il titolo ai Championships) conosce bene i movimenti, le posizioni da tenere e i tagli utili sulla superficie più viva, quella dove tanti talenti del passato hanno faticato a prendere le misure. Non a caso, quattro titoli su otto Matteo se li è presi tra la Germania e il Queen’s di Londra. Dove, per inciso, i campi e le condizioni sono rimasti come si usava un tempo: veloci.

The “hammer” is back

Ma nemmeno quella che da qualche anno chiamano ‘erba battuta’, sempre più lenta, ha impedito a Matteo di trovare la chiave. Persino in una stagione come quella passata, con tutti i problemi che ha portato con sé, il romano si è guadagnato un ottavo a Wimbledon, battendo Sonego, De Minaur e Sascha Zverev, prima di cedere (in quattro) al futuro vincitore Carlos Alcaraz. Non un risultato banale. Le statistiche, pure quelle, confermano il trend: Matteo oggi è numero 11 per rendimento del servizio sui prati (scontando una presenza non così assidua) ma è addirittura tredicesimo all time, davanti a personaggi come Richard Krajicek e Mark Philippoussis, Thomas Berdych e Michael Stich. Gente che in battuta faceva paura a chiunque.




SEGUICI ANCHE SU: Instagram @oggisport | X OggiSportNotiz2 | Facebook @oggisportnotizie | Telegram OggiSportNotizie | Youtube @oggisportnotizie


Pubblicità

Facebook

ACF Fiorentina ac milan ac monza AIA allegri Altro Calcio Ascoli Calcio 1898 AS Roma atalanta basket calcio femminile Calcio Internazionale calciomercato champions league conferenza stampa Coppa Italia curiosità Designazione Arbitrale Europa League Frosinone Giudice Sportivo Hellas Verona Inter FC inzaghi italia Juventus FC Nazionale news pallavolo press conference probabili formazioni Programma Gare Qatar 2022 roma scherma Serie A Serie B serie C serie D spalletti SSC Napoli ss lazio Tennis US Cremonese volley

Copyright © 2022 | OggiSportNotizie.it testata giornalistica online, registrata nella sezione stampa del Tribunale di Milano con il n. 79 del 16 maggio 2024 (già registrato al Tribunale di Teramo con il n. 317 del 23 febbraio 2022) | Direttore Responsabile: Marco Capriotti | Editore: Associazione ARIMO 51, Sede legale Milano (MI) - Via Ponte Nuovo, 24 | CF: 97955970153 | email: oggisportnotizie[at]gmail.com
Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione | Tutti i diritti sono riservati.